Il nuovo nido, una risorsa per tutti

Il nuovo nido, una risorsa per tutti

nidoNon abbiamo nessuna intenzione di alimentare inutili polemiche sull’attribuzione dei meriti per il bando e il progetto del nuovo asilo.

Nelle dichiarazioni dei mesi passati non abbiamo mai fatto mistero del percorso politico e tecnico di coloro i quali ci hanno preceduto e che hanno portato alla nuova struttura in corso di costruzione.

La nostra scelta è stata quella di accogliere il progetto nel punto in cui lo abbiamo ereditato, indipendentemente dal colore politico di chi lo ha generato, e considerarlo come una risorsa per tutta la cittadinanza, per tutti. E non solo per i politici, gli amministratori o i tecnici. Nella consapevolezza che altre scelte potevano essere fatte a monte, meno visibili ma certamente meno onerose.

Su questo punto come amministrazione siamo stati chiari fin dall’inizio. Abbiamo puntato sul “progetto nido” come un progetto trasversale, tra i diversi assessorati (scuola, urbanistica, cultura), e di forte coinvolgimento di chi questo edificio andrà a viverlo. Un progetto che non è solo di natura tecnica, ma anche di natura emozionale e culturale. Questo processo di partecipazione ex-post sta dando ottimi frutti.

E questo, permetteteci l’inciso, è il nostro stile.

Se si vuole essere chiari nel rivendicare delle scelte, bisogna esserlo altrettanto nel dire chiaramente che cosa queste scelte comportano. È vero che dei 3.200.000 euro di spesa per il nuovo asilo una parte dei finanziamenti deriva da donazioni e da contributi regionali ma è altresì vero che per circa 1.000.000 di euro dovranno essere utilizzati fondi comunali. Questo dato ha una certa importanza nel quadro economico e finanziario del Comune perché blocca la capacità di spesa su altri interventi, anche di piccola entità.

Il tema del nuovo nido come risorsa per il futuro, come risorsa per tutti, passa anche da qui: perché la sostenibilità non è solo quella, importantissima, dei materiali di costruzione. Sostenibilità è anche quella della gestione, lungimirante, che deve essere programmata nel tempo. Ed è quello che stiamo facendo.

 

Camilla Verona e Chiara Lanzoni
Sindaco e Assessore del Comune di Guastalla

Condividi questo post

Lascia un commento

Your email address will not be published.