Report Commissione “Territorio Ambiente e Benessere Sociale” del 2/12/15

Report Commissione “Territorio Ambiente e Benessere Sociale” del 2/12/15

Mercoledì 2 dicembre si è riunita la Commissione Consigliare Territorio, Ambiente, Benessere sociale per discutere il seguente ordine del giorno:

1) Aggiornamento sull’andamento del progetto che coinvolge i profughi presenti sul territorio comunale.

L’assessore Matteo Artoni ha illustrato le azioni in corso e in programma relative alla ospitalità di 10 ragazzi profughi di origine afgana, che hanno dai 20 ai 30 anni e la cui gestione è affidata alla Coop.va Dimora d’Abramo. Tutti quanti stanno frequentando un corso di lingua italiana a Reggio Emilia, iniziato prima del loro avvento nel nostro comune. Alcuni di loro, già scolarizzati nel loro paese, stanno frequentando anche il corso del CPIA (Centro provinciale per l’istruzione degli adulti), mentre quelli non scolarizzati si stanno impegnando in corsi di alfabetizzazione presso ANTEAS.

Nell’incontro dei referenti della Coop.va Dimora d’Adamo con le associazioni aderenti al “Tavolo delle nuove povertà” sono emerse diverse disponibilità per l’inserimento di queste persone in attività di volontariato. Presente anche l’assessore Luca Fornasari che a metà dicembre incontrerà le società sportive di Guastalla per verificare la possibilità di un inserimento in gruppi sportivi e del loro possibile contributo nelle opere di manutenzione delle attrezzature sportive.

Tutti i profughi sono stati iscritti al Servizio Sanitario nazionale e sono in attesa di essere convocati dalla commissione competente che valuterà la loro posizione di rifugiati.

Il 18 gennaio 2016, presso la Sala dell’Antico Portico di Palazzo Ducale, nella Giornata del migrante e del rifugiato, nell’ambito del progetto ”Ubuntu – sono ciò che sono, in virtù di ciò che tutti siamo” si terrà un incontro aperto al pubblico che vedrà la presenza dei profughi e dei referenti della Dimora d’Abramo: un dialogo aperto con i migranti del territorio e l’opportunità di incontrarli e conoscerli personalmente.

2) Comunicazioni dell’Assessore Chiara Lanzoni sui principali lavori in corso e in programmazione.

La partecipazione del nostro comune ad un bando regionale sui processi partecipativi per la riqualificazione ambientale degli spazi pubblici, ha avuto esito positivo: su 77 progetti presentati alla Regione Emilia Romagna, quello del nostro comune rientra nei 17 che hanno avuto l’approvazione e quindi il finanziamento. Oggetto di questo processo, che avrà una durata massima di 6 mesi, sarà la riqualificazione della località di Pieve. Vedrà coinvolti i cittadini in un confronto diretto coi tecnici che condurranno il procedimento e che raccoglieranno esigenze, suggestioni, suggerimenti al fine di predisporre una proposta progettuale condivisa per la zona.

L’Ing. Stefano Valenti rendiconta sull’andamento dei lavori relativi ai fabbricati pubblici lesionati dal sisma del 2012 e sullo stato della progettazione per le opere non ancora iniziate (Torre civica, Palazzo Ducale, Scuola di danza e musica, Chiesa di S. Francesco, Chiesa Cappuccine, Palazzo comunale, Palazzo Frattini, Teatro Ruggeri, Cimitero urbano, Circolo S. Rocco, Ostello, Cimitero S. Rocco).

3) Approvazione di variante al RUE per introduzione del Piano della luce in attuazione alla Legge Regionale 19/2003, ai sensi dell’art.33 della Legge Regionale 20/2000 e s.m.i.

L’Ing. Valenti illustra il Piano della luce che, ai sensi di legge, dovrà essere recepito nel Regolamento Urbanistico Edilizio. Il piano si basa sullo studio di tutto il sistema di illuminazione pubblica presente sul territorio comunale, attraverso l’esame e il rilievo del materiale di sostegno, il tipo di lampade e il livello di degrado. Da tale studio scaturisce il progetto degli interventi futuri in base a codici di priorità (sicurezza statica, sicurezza elettrica, ottimizzazione dei consumi e risparmio energetico, compatibilità con le normative vigenti in materia di inquinamento luminoso, stato di conservazione dei punti luce). Per tutti gli interventi di manutenzione sulla pubblica illuminazione e per quelli da realizzare nelle nuove urbanizzazioni, ci si dovrà attenere alle indicazioni individuate in questo piano.

Sul punto 3) la commissione non ha espresso il proprio parere in quanto si riserva di esaminare e approfondire meglio la documentazione che costituisce il Piano della Luce.

Amanda Cavaletti

Presidente della Commissione Territorio Ambiente e Benessere Sociale

Condividi questo post

Lascia un commento

Your email address will not be published.