REPORT CONSIGLIO COMUNALE 29 LUGLIO

REPORT CONSIGLIO COMUNALE 29 LUGLIO

La seduta del 29 luglio ha avuto al centro del dibattito punti legati al bilancio comunale, con una ratifica di una variazione effettuata dalla Giunta e con l’assestamento canonico da effettuare entro il 31 luglio di ogni anno. Oltre a tali punti, Guastalla Bene Comune ha presentato una mozione per promuovere “Azioni di contrasto al femminicidio, alla violenza di genere e per tutelare e promuovere il diritto di autodeterminazione”.

1. Comunicazioni del Sindaco

Il Sindaco Verona ha relazionato circa la situazione e i danni prodotti dall’evento metereologico di lunedì 26 luglio, il quale ha colpito aziende agricole, imprese e privati. A tal scopo, mercoledì 28 vi è stata una riunione in municipio a Guastalla con i sindaci dei Comuni coinvolti e con la presenza dell’assessore regionale all’agricoltura e il presidente della Provincia. La Regione ha già garantito misure per il ristoro dei danni e andrà a chiedere al Governo lo stato di emergenza.

2.  Comunicazioni del Presidente del Consiglio Comunale

Il Presidente del Consiglio Comunale Crema ha comunicato l’avvio dell’iter di revisione dello Statuto Comunale e del Regolamento del Consiglio Comunale. Tale iter sarà seguito dalla Commissione “Affari Istituzionali”.

3. Mozione presentata dal gruppo Guastalla Bene Comune avente ad oggetto “Azioni di contrasto al femminicidio, alla violenza di genere e per tutelare e promuovere il diritto di autodeterminazione”

Tale mozione, condivisa in tutti i Comuni della Bassa Reggiana, ha l’obiettivo di promuovere ulteriori misure di contrasto al femminicidio e alla violenza di genere, leggibile dal seguente link: Mozione_Femminicidi_GBC_220721_def

Di seguito si riporta l’illustrazione fatta dal Consigliere Maestri. “La mozione di cui discutiamo è un documento nato a livello regionale e già transitato in altri consigli comunali, anche se noi abbiamo cercato di completarlo e arricchirlo, oltre che di farlo più nostro, come di solito facciamo. Non è ovviamente difficile capire da quali vicende sia nata questa mozione: il caso di Saman ha colpito chiunque di noi e non potrebbe essere altrimenti, e non solo perché questo è accaduto a pochi chilometri da qui, ma di certo anche per questo. Noi non sappiamo ancora esattamente tutto ciò che è accaduto, tocca alla magistratura e alla polizia giudiziaria fare il possibile per capirlo. Sappiamo però che Saman, prima che se ne perdessero le tracce (e quando era ancora minorenne) si è sottratta a un matrimonio che altre persone della sua famiglia avevano combinato per lei, senza rilievo per la sua volontà. Senza che potesse essere libera di decidere come vivere, chi amare, con chi condividere il tempo davanti a sé. Oggi, con fatica, abbiamo imparato che questo non è giusto, che questo non si può, non si deve fare. Dico che lo abbiamo imparato perché non dobbiamo andare tanto indietro nel tempo per incontrare abitudini e previsioni normative che per fortuna non ci appartengono più, come il «delitto d’onore», che fino all’inizio degli anni ’80 era punito meno gravemente degli altri omicidi, o il «matrimonio riparatore», che sempre fino al 1981 cancellava i reati di violenza carnale purché l’autore del reato (uomo, lo sottolineo) si fosse sposata la vittima, il cui consenso – tanto per cambiare – non contava niente.

Dicevo che qualcosa, con fatica e mettendoci molto tempo, abbiamo imparato. Ci siamo dati norme importanti nella Costituzione, in varie fonti di diritto internazionale (penso alla Convenzione di Istanbul del 2011 contro la violenza di genere e la violenza domestica) e nazionale: il «Codice rosso» del 2019, tra l’altro, ha previsto anche il reato di costrizione o induzione al matrimonio. La nostra regione è l’unica ad aver approvato, grazie anche ai tanti progetti e alle tante esperienze messe in campo negli anni, una legge regionale quadro per la parità e le discriminazioni di genere, che si occupa del tema in tutte le sue declinazioni. Le regole ci sono. Vanno capite, vanno vissute e vanno rispettate, oltre che fatte rispettare. E questo vale soprattutto quando si parla di bambine e ragazze. Perché è da lì che occorre partire per scardinare la cultura del possesso. «Tu sei mia» non è mai un complimento, è sempre un errore. Dobbiamo impararlo noi per prime e per primi, dobbiamo farlo capire e aiutare le altre persone a capirlo, a prescindere dalla loro cultura, origine, esperienza. Non partiamo da zero, come non parte da zero il comune di Novellara, che da anni si impegna per l’accoglienza e l’inclusione. Quello che è successo, però ci fa capire che occorre fare ancora di più e che – in questo come in altri ambiti – l’impegno dei singoli comuni non basta.

Occorre mettere insieme le forze, le energie per informare, per formare, a partire dalle scuole che le bambine e le ragazze (ma anche i bambini e i ragazzi, che ne hanno ancora più bisogno) frequentano. Occorre formare chi opera nel settore della mediazione culturale. Occorre lavorare, e tanto, tra comuni, insieme all’Unione, alla Regione e a ogni altro soggetto che possa fare la sua parte. È questione di diritti, per tutte e per tutte noi. Conoscerli aiuta a pretenderne il rispetto e a rispettarli noi, per prime e per primi”.

La mozione è stata approvata all’unanimità.

4. Ratifica deliberazione di Giunta n. 51 del 22/06/2021

L’atto si è reso necessario per anticipare l’avvio dei procedimenti di affidamento di alcuni servizi e lavori rispetto ai tempi conseguenti l’attesa della variazione di assestamento (per il lavori ad esempio, considerato che il mese di agosto vede la chiusura prolungata delle varie ditte, si sarebbe dovuto attendere il mese di settembre).

PARTE CORRENTE

  • Finanziamento di maggiori spese assicurative per 30.700,00 € necessarie per indire una gara di appalto per affidamento del servizio (Risulta che negli ultimi tempi siano aumentati i premi da parte di tutte le compagnie, anche se si auspica che in sede di gara possano essere ottenute le migliori condizioni).
  • Finanziamento di maggiori spese di pulizia locali per 44.100,00 € per l’adesione alla convenzione riferita al servizio con la piattaforma regionale Intercenter (In questo caso erano state inizialmente contenute le previsioni da parte del Comune e bisogna anche tener conto dei maggiori oneri di sanificazione a seguito del perdurare dell’emergenza sanitaria).
  • Rimborsi ai contribuenti per 3.100,00 euro.

PARTE INVESTIMENTI

  • Installazione condizionatore nell’ufficio attività produttive per 2.300,00 €.
  • Installazione sbarra parcheggio e sistemazione videosorveglianza presso il Palazzo ducale 10.200,00 €.
  • Integrazione di spesa per sostituzione marciapiede presso asilo Iride per 10.000,00 €.
  • Sistemazione campo da calcio AICS per 19.500,00 €.

Il punto è stato approvato con il voto favorevole di Guastalla Bene Comune e l’astensione della minoranza.

5. Ricognizione sullo stato di attuazione dei programmi, verifica degli equilibri generali ed assestamento di Bilancio 2021-23 e rideterminazione quote accantonate, vincolate e libere dell’avanzo di amministrazione 2020

Come da norma, entro luglio i Comuni devono effettuare una verifica dell’attuazione dei programmi e degli equilibri generali di bilancio, andando opportunamente a variare alcune voci previsionali.

Per quanto riguarda l’attuazione dei programmi, nel primo semestre sono stati attivati gli iter procedurali dei seguenti interventi previsti con il bilancio 2021 approvato a dicembre:

  • Variante per costruzione Palazzetto dello Sport per 665.000,00 €
  • Interventi su viabilità e mobilità sostenibile per 74.000,00 €
  • Manutenzione straordinaria del verde pubblico e zona golenale per 216.000,00 €
  • Manutenzione cimiteri per 30.000,00 €
  • Progettazione recupero ex ospedale per 147.552,00 €
  • Restauro voltone Palazzo Ducale per 14.000,00 €
  • Opere di riqualificazione Via Ruggeri ed efficientamento energetico per 180.000,00 €
  • Progettazione lavori area esterna nuovo Palasport per 33.000,00 €
  • Sistemazione pavimentazione Asilo Iride per 35.000,00 €
  • Lavori di adeguamento funzionale edifici scolastici per 267.000,00 €
  • Sistemazione campo da calcio Aics per 19.500,00 €.

Per quanto riguarda la Variazione di assestamento, in questa fase, avendo verificato il permanere degli equilibri di bilancio, è possibile “espandere” la spesa, inizialmente contenuta per ragioni prudenziali come d’uso, sia per la parte corrente che per gli investimenti.

Fra le nuove fonti di finanziamento disponibili ha una consistente importanza l’avanzo di amministrazione, sia per la parte libera che per quella vincolata, in quanto rende possibile il finanziamento delle seguenti spese per circa 400.000 euro di nuovi investimenti:

  • Parte Vincolata: Bando per riscontrare le necessità delle attività produttive colpite dal COVID per oltre 104.000,00 ed interventi di manutenzione straordinaria sui cimiteri per 30.000,00 €.
  • Parte libera: La parte libera consente il finanziamento dei seguenti investimenti: Completamento Palasport 50.000,00 € – Installazione climatizzatori negli uffici 10.000,00 € – Manutenzione alloggi edilizia popolare 21.000,00 € – Installazione bussola chiesa S. Francesco per 12.100,00 € – Manutenzione monumenti per 20.400,00 € – Manutenzioni varie immobili comunali per 30.000,00 € – Manutenzione straordinaria verde pubblico per 30.000,00 € – Lavori di sistemazione rete stradale per 90.000,00 € – Manutenzione straordinaria sui cimiteri per 50.000,00 € – Sistemazione anello di atletica per 90.000,00 € – Acquisto arredi scolastici per 5.000,00 €).

Il punto è stato approvato con il voto favorevole di Guastalla Bene Comune e l’astensione della minoranza.

 

 

 

 

Condividi questo post

Lascia un commento

Your email address will not be published.