RESOCONTO CONSIGLIO COMUNALE 21 APRILE – Un Bilancio 2015 attento ai cittadini

RESOCONTO CONSIGLIO COMUNALE 21 APRILE – Un Bilancio 2015 attento ai cittadini

bilancio_La seduta del Consiglio Comunale del 21 Aprile, ha avuto al centro l’approvazione del Bilancio di Previsione 2015, contestualmente all’approvazione delle aliquote dei tributi per l’anno in corso.
Guastalla è quindi uno dei primi Comuni della Provincia ad approvare il proprio Bilancio, dando quindi certezze all’azione amministrativa dei prossimi mesi. Sui contenuti e sui numeri del Bilancio entreremo nel dettaglio in un focus più specifico che trovate a questo link.

Punto 1: Comunicazioni del Sindaco
Il Sindaco ha comunicato sull’incontro avvenuto in Prefettura lo scorso 2 Aprile, alla presenza del Prefetto, dei Responsabili delle Forze dell’Ordine e del Comandante del Corpo Unico di Polizia Municipale. In tale sede si è fatto un punto della situazione sul tema della sicurezza del territorio, impostando azioni per intensificare il confronto tra le parti. In particolar modo si è parlato degli impianti di video-sorveglianza, da collocare in punti strategici in entrata e uscita del territorio, e di azioni specifiche sui caselli autostradali.

Punto 2: Comunicazioni del presidente
Durante le comunicazioni del Presidente del Consiglio si è osservato un minuto di silenzio in ricordo delle oltre 900 vittime del naufragio nel Mediterraneo di domenica scorsa.

Punto 3: Interrogazione del Movimento 5 Stelle sull’utilizzo di alcune sale del Palazzo Ducale
Tale interrogazione chiedeva conto all’amministrazione dell’utilizzo degli spazi al piano terra del Palazzo Ducale, chiedendo infine di costituire una consulta di tutte le associazioni per la gestione degli eventi.

Il Sindaco ha precisato che il regolamento per l’utilizzo degli spazi del Palazzo Ducale riguarda le stanze al Piano Primo, mentre le stanze al Piano Terra sono in concessione a Tecton (e non in gestione, come menzionato nell’interrogazione). Nei mesi invernali è stato sottoscritto un Contratto di Comodato precario tra il Comune e Tecton per l’utilizzo della Sala dell’Antico Portico, che è stata un contenitore di tante iniziative in questi mesi. Inoltre, poiché la sala è stata data in forma di comodato, non era previsto un corrispettivo per chi l’avesse richiesta.
Tale scelta non è stata fatta per altri locali del palazzo perché l’Amministrazione comunale non ha ritenuto necessario individuare nuovi spazi per funzioni culturali, anche a fronte di una progressiva riapertura di immobili colpiti dal sisma.

Infine, sulla proposta della consulta delle associazioni, il Sindaco ha risposto che nello specifico la Giunta non ritiene una consulta plenaria uno strumento adatto e praticabile. Piuttosto, si preferisce la strada che si sta percorrendo, con tavoli specifici e tematici come il Tavolo delle Nuove Povertà, costruito dall’Assessorato all’Inclusione Sociale, che riunisce più di 10 associazioni locali, o la Consulta Sportiva, riattivata dopo anni e che è già stata strumento per ripensare la distribuzione equa e chiara dei contributi alle società sportive.
Il Movimento 5 Stelle si è dichiarato insoddisfatto, perché non attivando una consulta delle associazioni, a detta loro, non applichiamo lo Statuto Comunale.
Tuttavia, all’Art50.4 dello Statuto, riportato anche dal Movimento 5 Stelle, si dice che “Per favorire la partecipazione di Associazioni, Comitati e rappresentanze di base, il Consiglio Comunale istituisce le Consulte, nelle quali è garantita la partecipazione in modo paritario.” Lo Statuto, quindi, parla di diverse Consulte, tematiche e specifiche su singole progettualità, ed è questo che l’attuale Amministrazione sta percorrendo, non di consessi plenari per dividersi i soldi come proposto.
Su tale questione il Gruppo Guastalla Bene Comune chiede quindi un’analisi più approfondita e specifica del tema in Commissione. Il vero dialogo, crediamo, deve essere incentrato sul capire quali strumenti possono essere più funzionali alla realtà guastallese, non una gara a mettersi medaglie prendendo proposte fatte altrove e copiandole in modo pedissequo!

Punto 4: Mozione presentata dal gruppo “Per Guastalla” sulla contraffazione sul web dei prodotti italiani, in particolare del Parmigiano Reggiano
La mozione del Gruppo Per Guastalla aveva l’obiettivo di impegnare la Giunta e il Sindaco a spronare il Governo Italiano a tutelare i prodotti DOP, in particolare il Parmigiano Reggiano, con azioni volte a contrastare la contraffazione nell’e-commerce e nel negoziato USA-UE per il TTIP.

Nella discussione abbiamo chiesto una sospensione per modificare leggermente il testo, togliendo i riferimenti al Grana Padano. Queste precisazioni erano a nostro avviso necessarie per calibrare il dispositivo solo sul Parmigiano Reggiano, il quale è l’unico prodotto DOP prodotto sul nostro territorio.
La mozione è stata votata all’unanimità.

Punti da 5 a 11: Bilancio di Previsione 2015

Come abbiamo scritto in premessa, sui dati tecnici del Bilancio di Previsione 2015 entreremo nel dettaglio in una scheda ad hoc.
Tuttavia, è già importante sottolineare alcuni dati politici che ci portano ad affermare la bontà delle scelte fatte, volte a terminare questo periodo di ritorno alla normalità post sisma e necessarie per tornare a pensare ad una programmazione “normale” nei prossimi anni.

Il punto più qualificante è sicuramente quello di non aver toccato le aliquote di IMU, TASI e IRPEF, già tra le più basse in Provincia. In tempi in cui la crisi economica si protrae e in cui i trasferimenti dallo Stato calano ancora (circa 120.000 € in meno di riduzione del Fondo di Solidarietà), non incidere sulla tassazione dei cittadini è sicuramente una scelta orientata alla solidarietà.

Ciò si evince anche dalla spending review fatta sulla spesa corrente, di circa 220.000 €, che però non tocca le spese sul settore Sociale, rimasto invariato a circa 1,2 milioni di Euro, mentre si aumentano le spese nel settore Cultura, fondamentali per rianimare il tessuto sociale della nostra Città.
In tutto ciò l’avanzo di amministrazione previsto è di 500.000 €, utilizzato per finanziare gli investimenti, pari a 933.000 €.

Una nota è necessaria anche sulla Relazione Programmatica della Giunta, dove emerge lo sforzo a terminare nei mesi prossimi tutte le operazioni post sisma, ridando alla città i propri luoghi. In questi giorni abbiamo potuto assistere a quale slancio può dare la riapertura del Teatro, così come è successo con la Biblioteca Comunale.
Ed è proprio sugli immobili e sulle aree che, speriamo presto, Guastalla potrà riavere che come gruppo consiliare abbiamo quindi chiesto che ci possa essere un momento di progettazione partecipata per immaginare insieme il futuro di alcuni contenitori.

Le opere che si andranno a finanziare, sulle quali vi sarà un prospetto più preciso nel focus, servono soprattutto a riqualificare parti di territorio Comunale, presentando un lavoro di ricucitura urbana e di manutenzione fondamentale.
Immaginare oggi altre grandi operazioni è infatti complesso: il recupero degli edifici lesionati sovracitato, l’impatto che ha la realizzazione del nuovo Nido sul Bilancio, nel 2015 si dovrà pagare circa 1 milione di Euro, e il rispetto del Patto di Stabilità, sono vincoli dai quali non possiamo scappare.

Anche sul Palazzetto dello Sport, l’Assessore Fornasari ha ribadito quanto già detto in novembre, quando a seguito di una delibera di Giunta, si è esplicitato l’impegno alla sua realizzazione nella seconda fase della consiliatura, una volta usciti definitivamente dall’emergenza. Per questo si è mantenuto il residuo di circa 900.000 € già accantonato durante le Giunte di Centrosinistra, aspettando tempi più maturi per la progettazione del Palasport. L’assessore ha anche segnalato l’esistenza di una relazione fatta dagli Istituti Scolastici Superiori Russell e Carrara, in cui fanno emergere la necessità di avere nuovi spazi per le attività motorie curricolari che non sono soddisfatti dalle attuali palestre nell’istituto. La volontà di riprendere il progetto di realizzare il palasport vicino nell’area vicina all’anello di atletica va quindi in questa direzione.
Inoltre, in queste settimane si sono già tenuti incontri in Regione sul tema, con la finalità di attivare tutte le relazioni necessarie per arrivare a realizzare il progetto.

Altre novità consistenti arriveranno dall’estensione della raccolta dei rifiuti Porta a Porta su tutto il territorio comunale a partire da Ottobre 2015. Ovviamente saranno predisposti per tempo tutti gli incontri con le frazioni per introdurre questo sistema, congiuntamente con SABAR.

Infine, altro punto saliente della programmazione di quest’anno è la realizzazione di un Emporio Solidale nei locali dell’ex Centro Diurno, un progetto nato proprio da quel Tavolo delle nuove povertà promosso fin da subito dall’Assessore Artoni.
L’Emporio Solidale, che sarebbe il primo realizzato in Provincia, nasce dall’idea di creare un centro che vada oltre il mero assistenzialismo in cui distribuire generi alimentari attraverso un sistema a punti. In questa sede vi sarà anche un centro di auto-aiuto contro le dipendenze, iniziativa che si associa ad un grande progetto di prevenzione fatto nelle scuole.
L’Emporio Solidale, che vedrà la luce nei prossimi mesi, servirà anche a riqualificare un intero comparto urbano, quello tra P.zza Roma e la Stazione.

Il Bilancio 2015 continua quindi a perseguire i due pilastri su cui si è fondata l’amministrazione di questi primi mesi: la riqualificazione della città, attraverso la riapertura degli immobili danneggiati dal sisma e da una diffusa opera di manutenzione, e l’attenzione sociale, non incidendo maggiormente sulla tassazione dei cittadini e programmando politiche concrete di solidarietà.

 

In sintesi, l’elenco delle votazioni sui singoli punti.

-       Punto 5 “Approvazione aliquote IMU”: favorevoli Guastalla Bene Comune e Movimento 5 Stelle, astenuto Per Guastalla;

-       Punto 6 “Regolamento applicazione addizionale comunale IRPEF”: favorevoli Guastalla Bene Comune e Movimento 5 Stelle, astenuto Per Guastalla;

-       Punto 7 “Determinazione del tasso di copertura in percentuale del costo di gestione dei servizi a domanda individuale”: favorevole Guastalla Bene Comune, astenuti Per Guastalla e Movimento 5 Stelle;

-       Punto 8 “Verifica delle quantità e qualità delle aree e fabbricati da destinare aòòa residenza, alle attività produttive e terziarie”: favorevole Guastalla Bene Comune, astenuti Per Guastalla e Movimento 5 Stelle;

-       Punto 9 “Piano delle alienazioni e valorizzazioni immobiliari”: favorevole Guastalla Bene Comune, astenuti Per Guastalla e Movimento 5 Stelle;

-       Punto 10 “Approvazione aliquote TASI”: favorevoli Guastalla Bene Comune e Movimento 5 Stelle, astenuto Per Guastalla;

-       Punto 11 “Approvazione Bilancio di Previsione 2015”: favorevole Guastalla Bene Comune, astenuto Movimento 5 Stelle, contrario Per Guastalla.

Condividi questo post

Lascia un commento

Your email address will not be published.