CONSIGLIO COMUNALE DEL 28 SETTEMBRE – VOTAZIONE DEL BILANCIO CONSOLIDATO

CONSIGLIO COMUNALE DEL 28 SETTEMBRE – VOTAZIONE DEL BILANCIO CONSOLIDATO

Il Consiglio di Settembre 2017 ha avuto al centro l’approvazione del Bilancio Consolidato del Comune di Guastalla, oltre che la ratifica di una Variazione di Bilancio che consente nuovi investimenti.

Punto 1. Comunicazioni del sindaco.

Prima di iniziare la trattazione dei punti all’Ordine del Giorno, il Sindaco ha comunicato l’arrivo di richiedenti asilo in una abitazione di San Girolamo, come già comunicato alla cittadinanza della frazione in una specifica assemblea tenutasi il giorno precedente, esplicitando le progettualità che verranno programmate per un’integrazione fattiva.

Punto 2. Comunicazioni del Presidente del Consiglio.

Punto 3. approvazione dei verbali di seduta del 22/06/2017 e del 20/07/2017.

Punto 4. Ratifica deliberazione di Giunta Comunale nr. 89 del 05 settembre 2017.

Con tale votazione, il Consiglio Comunale ha ratificato una Variazione di Bilancio che porterà a maggiori investimenti grazie all’utilizzo di 216.000 Euro di riserve SABAR divise tra i vari Comuni e 10.000 Euro di avanzo di amministrazione.
Tali importi sono stati così suddivisi:

  • 100.000 Euro in accantonamenti per la realizzazione del Palazzetto dello Sport;
  • 79.000 Euro per opere destinate al Palazzo Ducale (impianto antincendio, tinteggiatura facciata su Via Beccaria, ringhiere e impianti di illuminazione);
  • 15.000 Euro per interventi sull’impianto elettrico del Teatro;
  • 12.000 Euro per sistemazione del tetto dell’Ex Tribunale, dove ora ha sede pro-tempore il municipio;
  • 10.000 Euro per incarichi PAE e rilievi nella frazione di Tagliata.

Come si può evincere da questi numeri, emerge ancora una volta la volontà di utilizzare tutte le risorse disponibili verso gli obiettivi primari che si è data questa amministrazione: Palazzetto dello Sport e potenziamento dei servizi culturali.

Il punto è passato con il voto favorevole di Guastalla Bene Comune e Movimento 5 Stelle e con l’astensione del gruppo “Per Guastalla”.

Punto 5. Surroga Consigliere dimissionario Sig. Ruggenini Damiano.
Punto 6. Surroga componente Sig. Ruggenini Damiano nella Commissione Territorio Ambiente, Benessere Sociale.
Punto 7. Surroga Vice Presidente del Consiglio Comunale Sig. Ruggenini Damiano.

Questi tre punti sono legati alle dimissioni per motivi personali del Consigliere Damiano Ruggenini del gruppo “Movimento 5 Stelle”, il quale rivestiva anche la carica di Vice-Presidente del Consiglio e di membro della Commissione “Territorio Ambiente e Benessere Sociale”.
Al suo posto è subentrato il Consigliere Stefano Re, il quale lo sostituisce anche nella Commissione, mentre come nuovo Vice-Presidente del Consiglio è stato votato unanimemente Claudio Benatti, del gruppo “Per Guastalla”, che già aveva ricoperto tale carica nella passata consiliatura.

Oltre a ringraziare Damiano per il lavoro svolto in questi anni e per lo spirito collaborativo con cui ci si è sempre confrontati anche stando su posizioni diverse, ne approfittiamo per augurare buon lavoro a Stefano Re.

Punto 8. Approvazione nuovo regolamento comunale per la determinazione dei requisiti economici per l’accesso e la permanenza negli alloggi di edilizia residenziale pubblica e delle modalità per il calcolo e l’applicazione dei canoni ERP in attuazione della deliberazione di giunta regionale n. 894 del 13/06/2016 conseguente a nuova delibera giunta regionale n. 739 del 31/05/2017 ad oggetto: “Correttivi alla metodologia per la determinazione dei canoni di locazione degli alloggi di ERP definita dalla DGR n. 894/2016”. 

Il Consiglio Comunale del 28 settembre ha approvato il nuovo regolamento per l’accesso agli alloggi di edilizia residenziale pubblica, adeguandolo alla nuova normativa regionale. Ciò va a sistemare uno dei tanti strumenti attraverso i quali l’Amministrazione Comunale sta contrastando il tema della povertà nel territorio di Guastalla.
Strumenti che stanno portando i primi risultati. Primo tra tutti riguarda proprio l’assegnazione degli alloggi popolari: nel 2017 infatti sono stati assegnati tramite bando e graduatoria 20 alloggi, che si aggiungono ai 144 già assegnati. Il 75% di questi alloggi sono abitati da cittadini italiani, molti di essi nati a Guastalla. Il regolamento degli alloggi popolari attribuisce infatti un punteggio maggiore a chi risiede a Guastalla da più tempo, ed è requisito necessario la residenza in Emilia Romagna da almeno 3 anni.

Altro risultato importante lo vede l’Emporio Solidale, supermercato a punti per persone in difficoltà economica, nato dalla collaborazione tra il Comune di Guastalla e le associazioni di volontariato. In un anno di attività l’Emporio è arrivato a servire 180-200 persone alla settimana, che attraverso questo progetto ricevono un aiuto concreto abbattendo la spesa alimentare. Anche in questo caso, più del 50% delle persone che vi accedono sono di origine italiana. Di essi molti sono i guastallesi di nascita, anche da più generazioni: ciò significa che il tema della povertà colpisce anche i nostri cittadini  e che le forme di aiuto che vengono messe in atto dal pubblico vanno a colpire nel segno.

La scelta fatta fin dall’insediamento dell’attuale Giunta è quella di non dare contributi a pioggia a chiunque ne faccia richiesta, ma di operare attraverso progetti personali e familiari, per evitare forme di assistenzialismo, aiutando invece le persone a riemergere da una situazione di difficoltà economica. Vanno in questo senso i corsi di formazione, i lavori di pubblica utilità e tutte le altre forme di sostegno economico che richiedono in cambio un impegno concreto della persona.

Il punto è passato con il voto favorevole di Guastalla Bene Comune e con l’astensione delle opposizioni.

Punto 9. Affidamento della riscossione coattiva delle entrate comunali all’Agenzia delle Entrate  – Riscossione.

Con questo atto si è dato seguito a quanto già deliberato in Consiglio dell’Unione dei Comuni, scegliendo di affidare la riscossione coattiva dei tributi ad “Agenzia delle entrate – riscossione” (Ex Equitalia). In tal modo si ha una opzione in più per il recupero dei tributi inevasi, in quanto a seconda delle tipologie dei tributi in alcuni casi risulta più efficace l’ingiunzione fatta dal Comune e in altri l’utilizzo dell’Agenzia delle Entrate.

Il punto è passato con il voto favorevole di Guastalla Bene Comune e con l’astensione delle opposizioni.

Punto 10. Nomina di un nuovo membro del Collegio dei Revisori in sostituzione di un altro dimissionario.

Tale punto si è reso necessario in quanto uno dei revisori, il Dott. Gianpaolo Fornasari, ha rassegnato le proprie dimissioni per notevoli impegni di lavoro. Il nuovo revisore estratto è il Dott. Costantino Davide Repetto.

La nomina è stata votata all’unanimità.

Punto 11. Approvazione Bilancio Consolidato Esercizio 2016 del Comune di Guastalla.

Il bilancio consolidato non è altro che una rappresentazione del nostro bilancio consuntivo che accorpa anche i dati finanziari e patrimoniali raccolti da 8 società partecipate del Comune di Guastalla, in base a una rilevazione svolta da un consulente incaricato dall’Unione Bassa Reggiana, presso le società e gli enti interessati.
Essendo un adempimento, esso non comporta manovre di bilancio o alterazioni del quadro finanziario, ma può offrire una lettura più “precisa” e realistica della condizione contabile dell’ente. Più che un approdo si tratta insomma di un inizio, per consentire ai Comuni di svolgere un controllo forse più legittimo, accurato e trasparente delle società alle quali si affidano servizi, beni e progetti.

Il punto è passato con il voto favorevole di Guastalla Bene Comune, l’astensione del Movimento 5 stelle e il voto contrario di “Per Guastalla”.

Punto 12. Revisione straordinaria delle partecipazioni ex art. 24, D.Lgs. 19 agosto 2016 n. 175, come modificato dal Decreto Legislativo 16 giugno 2017, n. 100. Ricognizione partecipazioni possedute. Individuazione partecipazioni da alienare. Determinazioni per alienazione

L’ultimo punto riguardava la revisione delle Aziende partecipate dal Comune, in un’ottica di sfoltimento e di spending-review.
In particolare, il Comune di Guastalla ha scelto di uscire dall’azienda “Piacenza Infrastrutture Spa”, di cui deteneva una partecipazione dello 0,74% a seguito dei vari accorpamenti da AGAC a IREN, e da “Infrastrutture Fluviali Spa”.

Il punto è passato all’unanimità.

Condividi questo post

Lascia un commento

Your email address will not be published.