REPORT CONSIGLIO COMUNALE 22 DICEMBRE 2021

REPORT CONSIGLIO COMUNALE 22 DICEMBRE 2021

L’ultima seduta di Consiglio Comunale dell’anno è, come da tradizione, dedicata all’approvazione del Bilancio di Previsione. Dare subito certezze contabili per il prossimo anno è fondamentale, soprattutto alla luce del quadro ancora incerto generato dalla pandemia.

Oltre al bilancio si è giunti alla conclusione del processo di revisione completa dello Statuto Comunale e del Regolamento del Consiglio Comunale voluta fortemente da Guastalla Bene Comune al fine di rendere attuali e aggiornati i regolamenti interni.

1. Comunicazioni del Sindaco

2.  Comunicazioni del Presidente del Consiglio Comunale

3. Approvazione versione definitivamente aggiornata del Documento Unico di Programmazione (DUP) 2022-2024 e del Bilancio di Previsione 2022-2024

Per il sesto anno consecutivo il Comune di Guastalla ha approvato il suo bilancio di previsione entro il 31 dicembre (tra i primi in Provincia), dando quindi certezza all’azione amministrativa dei prossimi mesi evitando l’esercizio provvisorio. Ciò risulta ancora più importante all’interno dell’attuale quadro ancora incerto a causa della pandemia.

Inoltre, dal punto di vista più tecnico, il Bilancio mantiene tutti quegli elementi di solidità, virtuosità e cautela che l’hanno contraddistinto in questi anni.

Come premessa generale, è necessario ribadire alcuni elementi non trascurabili:

  • Non aumento delle tasse e delle imposte locali;
  • L’utilizzo dell’avanzo di amministrazione e degli oneri di urbanizzazione solo sugli investimenti e non sulla parte corrente. In particolare, solo quota del 16% degli oneri, pari a circa 100.000,00 €, è destinata alla parte corrente ma sempre per manutenzioni degli immobili;
  • Un’impostazione di entrate e uscite prudenziale e cautelativa, che permetterà nel corso dell’anno di liberare nuove risorse;
  • Continuazione dell’attività di recupero evasione/elusione;
  • Mancato ricorso al prestito o ad altre forme di finanziamento;
  • Il bilancio, nella parte spesa, reca gli stanziamenti necessari per il pagamento delle rate dei mutui con la Cassa Depositi e Prestiti (il nostro ente non sarà più inserito nel “cratere ristretto” del Sisma 2012, per cui le rate dei mutui saranno effettivamente da corrispondere nel corso dell’esercizio);
  • Le entrate correnti risultano iscritte a valori assolutamente reali con attenzione al principio di prudenzialità.

Tali aspetti, che hanno sempre contraddistinto la situazione finanziaria del Comune di Guastalla, assumono maggior importanza in vista del 2022, anno che sarà ancora caratterizzato dall’incertezza a dalla mutabilità del quadro a causa dell’emergenza Covid.

Per quanto riguarda gli investimenti, per il triennio 2022-2024 sono previsti investimenti per quasi 4 milioni di euro. Le principali linee di intervento per il triennio si confermano essere: viabilità, verde pubblico e immobili pubblici. In particolare per il 2022 si investiranno circa 1.632.000 euro, tra cui:

  • Manutenzione straordinaria cimiteri  (Rifacimenti coperture, sistemazione cappella e camera mortuaria, costruzione cellette per urne) per 150.000,00 euro;
  • Incarichi professionali esterni per piano il urbanistico “PUG” per 264.000 euro (è una quota che va ripartita tra tutti i comuni Unione, poi ci sono altre quote sul 2023 e sul 2024 per un totale di 583.892 euro);
  • Palazzetto dello Sport 130.000 euro (Realizzazione percorsi ipovedenti – ultimazione lavori extra gara – collaudi ed allacciamenti);
  • Manutenzione straordinaria impiantistica sportiva, anello atletica Nelson Ferrarini 150.000 euro;
  • Potature straordinarie e sistemazione aree verdi, manutenzione verde pubblico 220.000 euro
  • Efficentamento energetico ed adeguamento plessi scolastici 250.000 euro;
  • Manutenzione straordinaria viabilità Asfalti, estensione piste ciclabili, sistemazione cavalca ferrovia Via Ferrara 163.000 euro;
  • Manutenzione straordinaria immobili 230.000 euro (di cui efficentamento energetico in cofinanziamento ACER per 100.000 euro; adeguamento impianti antincendio 12.000 euro; impianto raffrescamento ex tribunale 30.000 euro; adeguamento impianti palazzo ducale 15.000 euro; sostituzione tende Carrara e CFP 82.000,00 euro).

L’approvazione del Bilancio di Previsione comunale, unitamente a quello dell’Unione dei Comuni avvenuto nella seduta del 20 dicembre, è fondamentale per dare sicurezza fin da subito all’implementazione dei servizi e delle politiche. La prudenza generale nell’impostazione dei documenti contabili permetterà inoltre di liberare risorse durante l’anno e di recepire con maggior flessibilità le variazioni nei prossimi mesi. In questi anni abbiamo infatti visto come la pandemia abbia ulteriormente portato gli enti a dover effettuare variazioni al bilancio durante l’anno.
In tutto questo, il bilancio del Comune di Guastalla non arretra nella sua spesa complessiva su capitoli importanti e cruciali per la vita della Comunità quali welfare, scuola, cultura e sport.

La seduta del 22 dicembre è stata anche l’occasione per fare un punto sulla consigliatura in corso, arrivata al giro di boa. Nei primi due anni e mezzo, l’impatto del Covid ha sicuramente rallentato l’attuazione del programma elettorale ma, viste anche le difficoltà generali e di congiuntura internazionale, il nostro giudizio sull’operato dell’amministrazione è molto buono.

La giunta guastallese e tutte le amministrazioni della Bassa Reggiana hanno infatti lavorato alacremente per tenere coeso il territorio e le Comunità locali in tempi difficili. In tutto questo a Guastalla sono comunque andati avanti investimenti importanti come il Palazzetto dello Sport, ormai prossimo alla conclusione, il completamento della rete di ciclabili e la riqualificazione di parti importanti del tessuto urbano come V.le Ruggeri.

Se la pandemia da una parte ha rallentato la vita quotidiana di tutti noi, dall’altro i bandi europei e il PNRR daranno una forte accelerata nei prossimi mesi per mettere in campo progetti e nuove visioni di città. In questo quadrò risulterà fondamentale la costituzione dell’Ufficio Europa a livello unionale, voluto fortemente dal Sindaco Verona e dall’Assessore Lanzoni, proprio per intercettare più opportunità possibili.

I prossimi 30 mesi saranno quindi un periodo di lunga semina, in cui dovremo essere bravi ad attrarre le risorse che saranno messe in campo dal Governo per continuare a cambiare in meglio Guastalla e la Bassa come fatto dal 2014 ad oggi.

Il Bilancio è stato approvato con il voto favorevole di Guastalla Bene Comune, l’astensione di Centrodestra per Guastalla e Per Guastalla e il voto contrario di Avanti Guastalla.

4. Revisione periodica delle partecipazioni pubbliche ai sensi dell’Art. 20, D.Lgs. 19 agosto 2016 n.175 alla data del 31/12/2020. Piano di razionalizzazione delle partecipate 2021.

Tale punto riguardava la revisione delle Aziende partecipate dal Comune, in un’ottica di sfoltimento e di spending-review.
In particolare, il Comune di Guastalla ha ribadito di uscire dall’azienda “Piacenza Infrastrutture Spa”, di cui deteneva una partecipazione dello 0,74% a seguito dei vari accorpamenti da AGAC a IREN, e da “Infrastrutture Fluviali Spa”. Le procedure di alienazione delle due società sono già state avviate nel 2018 ma ad oggi non sono ancora terminate.

Il punto è stato approvato con il voto favorevole di Guastalla Bene Comune e Per Guastalla e con l’astensione di Avanti Guastalla e Centrodestra per Guastalla.

5. Revisione e modifica dello Statuto Comunale del Comune di Guastalla
6. Revisione e modifica del Regolamento del Consiglio Comunale e delle Commissioni Consiliari del Comune di Guastalla

Rendere il Comune e il suo organo rappresentativo al passo con i tempi, per poter affrontare meglio le esigenze che emergeranno in futuro: con questo spirito il Consiglio comunale di Guastalla, nella seduta del 22 dicembre, ha approvato – senza voti contrari – due documenti che rinnovano in modo strutturale lo Statuto comunale e il Regolamento del Consiglio comunale.

Queste modifiche sono state frutto di un lungo lavoro d’insieme, durato molti mesi. Alla fine del 2019 il gruppo Guastalla Bene Comune aveva iniziato a riflettere sulle norme fondamentali che regolano la vita del Comune (lo Statuto) e il funzionamento del suo organo rappresentativo (il Regolamento del Consiglio comunale). Varie parti avevano bisogno di un aggiornamento sul piano normativo, linguistico, organizzativo e pratico, da attuare con uno sguardo complessivo: l’ultima riforma organica risaliva al biennio 2004-2005 e in seguito si sono susseguiti vari interventi limitati. L’avvento della pandemia ha fatto emergere ulteriori problemi e necessità, con cui non si erano mai fatti i conti prima e che hanno richiesto altri adeguamenti delle regole e delle procedure.

Il 28 maggio 2020 il Consiglio aveva già approvato un ordine del giorno del gruppo Guastalla Bene Comune, con cui si impegnava a rivedere lo Statuto e il Regolamento consiliare. Nei mesi successivi si è svolto un lungo lavoro sui testi, condotto dai consiglieri Gabriele Maestri, attuale presidente della Commissione Affari istituzionali, e Gianluca Crema, Presidente del Consiglio comunale. Le proposte di modifica da loro elaborate sono state proficuamente discusse in due sedute della Commissione Affari istituzionali, durante le quali sono stati apportati piccoli interventi: l’ultimo passaggio è arrivato con la discussione e l’approvazione definitiva in Consiglio comunale.

Grazie a questo percorso, ora lo Statuto comunale si occupa anche del sito del Comune (come strumento di informazione e trasparenza), dei suoi profili social e dell’Albo pretorio elettronico, indica l’Unione dei comuni come sede di azione politico-amministrativa integrata e non contiene più norme relative a organi o figure non più attuali. Il Regolamento del Consiglio comunale, tra l’altro, adegua alle nuove tecnologie le forme di convocazione del Consiglio stesso e delle Commissioni; le sedute di quegli stessi organi possano tenersi in videoconferenza in condizioni di emergenza o per motivi di sicurezza (le commissioni potranno lavorare a distanza anche quando altri motivi lo renderanno opportuno) e il loro funzionamento è disciplinato in modo stabile.

Altre regole riguardano lo svolgimento di interrogazioni, interpellanze e mozioni; lo Statuto e il Regolamento, infine, ora sono più attenti alle differenze di genere.

Le modifiche approvate non stravolgono i due documenti, ma li aggiornano, mettendo a disposizione del Comune e delle persone elette strumenti perché i processi democratici di informazione, discussione e deliberazione possano funzionare meglio, ora e nei prossimi anni.

Il punto 5 è stato approvato con il voto favorevole di Guastalla Bene Comune e Per Guastalla e con l’astensione di Avanti Guastalla e Centrodestra per Guastalla.
Il punto 6 è stato approvato con il voto favorevole di Guastalla Bene Comune, Avanti Guastalla e Per Guastalla e con l’astensione di Centrodestra per Guastalla.

 

 

 

 

 

 

Condividi questo post

Lascia un commento

Your email address will not be published.